Dopo il Covid-19 costruiamo insieme una scuola inclusiva

0
14
Scuola

La crisi che stiamo vivendo è anche una crisi educativa. Oltre 9 milioni di ragazzi e ragazze sono privati del loro diritto di andare a scuola. In questo scenario, dove le relazioni tra scuola e le comunità educanti sui territori erano più forti prima della crisi, è stata registrata una risposta più pronta e capace di garantire ai ragazzi e alle ragazze, in particolare ai più fragili, di non perdersi, non rischiando di alimentare i così i forti divari che già esistevano prima della crisi. Dove questo tessuto non esisteva, sono cresciute le disuguaglianze. 

La distanza fisica dalla scuola apre uno “spazio del possibile”, ovvero la possibilità concreta di ripensare l’agire educativo in modo nuovo, aperto, inclusivo. Se già nel mondo pre Covid-19 il progetto Bella Presenza, selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà, che in due anni ha raggiunto oltre 3.330 minori e quasi mille nuclei familiari, e coinvolto oltre 700 insegnanti ed educatori, nasceva dalla necessità di mescolare saperi e competenze di insegnanti ed educatori, tempo dentro e fuori la scuolaragazzi e territori diversi, quelli fragili insieme a quelli più forti, oggi si ritiene che sconfinare debba diventare la regola per costruire interventi educativi e non solo didattici, reticoli di prossimità, educazione porta a porta, metodi creativi e inclusivi che non lascino davvero indietro nessun bambino o bambina, nessun ragazzo o ragazza.

Il seminario pubblico 

Partendo da queste riflessioni Bella Presenza organizza il 12 maggio il seminario pubblico “Sconfinamenti. Per una scuola fuori dall’emergenza da costruire insieme“, durante il quale alcuni referenti territoriali del progetto si confronteranno con esperti di educazione. Sarà possibile seguire il dibattito in streaming, dalle 16.00 alle 18.00, sulla pagina Facebook di Bella Presenza e sul sito della cooperativa Dedalus. A coordinare il pomeriggio Andrea Morniroli, referente nazionale di Bella Presenza, di cui la cooperativa Dedalus è ente capofila.

Interverranno: Gabriele Vacis, Regista Teatrale, Istituto di pratiche teatrali per la cura della persona; Marco Rossi Doria, Coordinatore del gruppo education, Forum Disuguaglianze e Diversità; Anna Maria Palmieri, Assessore Scuola e Istruzione Comune di Napoli; Marzia Sica, Responsabile Obiettivo Persone, Fondazione Compagnia di San Paolo; Lorenzo Luatti, Coordinatore Toscana Bella Presenza, OXFAM; Silvia Di Rocco, Preside IC Montagnola Gramsci di Firenze; Elena Cappai, PresideIC Pertini di Torino; Michele Caccavo, Referente nazionale azione Le famiglie presenti, Labins; Paola Giani, Referente nazionale azione Mi metto in gioco, Associazione Il Nostro Pianeta; Matteo Aigotti, Coordinatore, Educativa di strada San Luigi; Emma Amiconi, Presidente, Fondaca; Patricia Pulido, Referente nazionale azione Bella Didattica, Labins; Tiziana Chiappelli, Coordinatrice Firenze Bella Presenza, Progetto Arcobaleno; Patrizia Gugliotti, Coordinatrice Piemonte Bella Presenza, Labins. 

Dialogheranno Carlo Borgomeo, Presidente Impresa sociale “Con i Bambini”, che da anni attraverso i progetti selezionati favorisce la creazione di partenariati territoriali tra scuola e terzo settore secondo modelli partecipativi, e Peppe De Cristofaro, Sottosegretario all’Istruzione.

LASCIA UN COMMENTO

PER FAVORE INSERISI COMMENTO
Per favore inserisci il tuo nome qui