Migranti, strage nel Mediterraneo. Ocean Viking: Almeno 100 morti

0
11
Ocean viking nave

Naufragio nella notte con numerose vittime per un gommone di migranti partito dalla Libia. Lo ha denunciato Alessandro Porro, presidente di Sos Mediterranee Italia e soccorritore a bordo della Ocean Viking. Nell’imbarcazione, che secondo le organizzazioni per i diritti dei migranti chiedeva aiuto almeno da mercoledì, erano presenti più di 100 persone. “Da oltre 24 ore la Ocean Viking stava inseguendo dei destini nel mare, quelli di due imbarcazioni in difficoltà, molto lontane fra di loro. Della prima non abbiamo trovato alcuna traccia – ha raccontato Porro -, possiamo solo sperare che sia rientrata a terra o comunque giunta in salvo. La seconda è stata rincorsa attraverso una bufera, in una notte con onde alte sei metri. Non ho difficoltà ad ammetterlo, ho passato qualche ora in bagno a vomitare. Non sono bastati la prometazina, il dimenidrinato, metà degli ultimi tre anni passati in mare. Ero esausto, disidratato, a fatica sono tornato nel letto, ed ero protetto da una signora delle acque che pesa migliaia di tonnellate. Colpi secchi sulla chiglia, oggetti rovesciati nelle cabine. Fuori, da qualche parte in quelle stesse onde, un gommone con 120 persone. O 100, o 130. Non lo sapremo mai, perché sono tutte morte”.

“NESSUN AIUTO DAGLI STATI, SIAMO RIMASTI SOLI IN UN MARE DI CADAVERI”

Nella lettera pubblicata sul sito web dell’ong Sos Mediterranee Italia, Porro continua: “All’alba abbiamo cercato ancora, assieme a tre mercantili, senza coordinamento né aiuto da parte degli Stati. Fosse cascato un aereo di linea ci sarebbero state le marine di mezza Europa, ma erano solo migranti, concime del cimitero mediterraneo, per i quali è inutile correre, e infatti siamo rimasti soli”. Il presidente di Sos Mediterranee Italia prosegue riferendo che “nel pomeriggio la nave My Rose ha avvistato il gommone, ci siamo avvicinati ed è stato navigare in un mare di cadaveri. Letteralmente. Del natante restava poco, delle persone neanche il nome. Impotenti, abbiamo fatto un minuto di silenzio, a riecheggiare sulle terre degli uomini. Le cose devono cambiare, le persone devono sapere”.