Pensione anche con pochi contributi, clamorosa circolare n.46/2024: l’ INPS rivoluziona tutto

Pensione anticipata e con pochi contributi. Il 2024 porta con sé una rivoluzione. I contenuti della circolare n.46/2024 dell’INPS

Per molti lavoratori, la prospettiva di accedere alla pensione anticipata può sembrare un miraggio, specialmente per coloro che hanno accumulato pochi contributi nel corso della propria carriera lavorativa. Tuttavia, esistono alcune opzioni e opportunità che consentono anche a coloro con pochi contributi di accedere alla pensione anticipata, garantendo una certa sicurezza economica nella fase finale della propria vita lavorativa. Oggi una luce di speranza arriva dalla circolare n.46/2024 rilasciata dall’INPS. Ecco cosa dice. 

Pensione con pochi contributi
Pensione con pochi contributi: la comunicazione dell’INPS foto: Ansa – (immezcla.it)

L’accesso alla pensione anticipata con pochi contributi dipende principalmente dal sistema pensionistico del proprio Paese e dalle regole specifiche che lo regolano. In molti casi, è possibile accedere alla pensione anticipata anche con un numero limitato di contributi, ma è importante essere consapevoli delle condizioni e dei requisiti che devono essere soddisfatti. 

È importante considerare che l’accesso alla pensione anticipata con pochi contributi può comportare alcune limitazioni o riduzioni dell’importo della pensione. In alcuni casi, ad esempio, l’importo della pensione anticipata potrebbe essere ridotto rispetto alla pensione piena, o potrebbero essere applicate penalizzazioni per l’accesso anticipato alla pensione.

Per coloro che desiderano accedere alla pensione anticipata con pochi contributi, è consigliabile consultare un consulente finanziario o un esperto di previdenza sociale per valutare le opzioni disponibili e comprendere appieno le implicazioni finanziarie e le conseguenze di una tale scelta. Anche perché le novità sono all’ordine del giorno. Come nel caso di questa circolare rilasciata dall’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale.

Pensione anticipata con pochi contributi: la circolare dell’INPS

A partire dal 2024, l’accesso alla pensione di vecchiaia diventerà più accessibile per una fascia di lavoratori, secondo quanto comunicato dall’INPS tramite la circolare n.46/2024. Le nuove disposizioni, emanate in seguito alla Manovra 2024, introdurranno requisiti meno stringenti per coloro che desiderano accedere alla pensione, garantendo al contempo un livello minimo di protezione sociale.

Pensione con pochi contributi
Pensione con pochi contributi: la circolare n.46 dell’INPS – (immezcla.it)

Fino al 2023, per poter accedere alla pensione di vecchiaia con 67 anni di età e almeno 20 anni di contributi, era necessario aver accumulato un importo di pensione almeno pari a 1,5 volte l’assegno minimo. Questo requisito rappresentava spesso un ostacolo per molti lavoratori, che si trovavano costretti ad attendere l’età di 71 anni per poter accedere alla pensione.

Tuttavia, a partire dal 2024, i requisiti per l’accesso alla pensione diventeranno più flessibili. Coloro che hanno compiuto 67 anni di età e accumulato almeno 20 anni di contributi a partire dal 1996 potranno accedere alla pensione di vecchiaia, purché abbiano maturato un importo di pensione almeno pari all’assegno sociale, fissato a 534,41€.

Questa modifica rappresenta un passo significativo verso una maggiore inclusione sociale e una maggiore equità nel sistema pensionistico. Consentirà a un maggior numero di lavoratori di godere dei propri diritti pensionistici senza dover attendere un’età più avanzata, garantendo al contempo un livello minimo di reddito pensionistico per coloro che ne hanno bisogno.

Impostazioni privacy