Allegri nei guai: le conseguenze dopo la Salernitana, succede l’impensabile

Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus, è stato autore di un pessimo girone di ritorno. Ecco cosa rischia.

allegri
Allegri nei guai: le conseguenze dopo la Salernitana, succede l’impensabile (Ansa – Immezcla.it)

In una stagione senza impegni europei i tifosi della Juventus si aspettavano un campionato di assoluto spessore, in lotta per la testa della classifica dalla prima sino all’ultima giornata. L’annata era cominciata bene con un testa a testa con l’Inter. I campioni d’Italia in carica si sono subito tagliati fuori dalla lotta al vertice, persi tra continui cambi in panchina.

Le romane e il Milan hanno avuto un inizio stentato, lasciando la regolarità a Juventus ed Inter. Tutto sembrava essere tornato ai vecchi tempi “allegriani”. Il gioco del tecnico toscano non era risultato spumeggiante ma pratico e proficuo nei primi mesi del campionato in corso. In una società dove si è sempre guardati il risultato il Conte Max aveva badato al sodo, ma il calcio è cambiato. L’efficacia di un gioco spumeggiante paga molto di più e il tecnico sembra essere rimasto indietro.

A Torino non c’è più lo stesso organigramma societario. Allegri è rimasto piuttosto solo e l’unica cosa che potrebbe salvarlo è un successo in Coppa Italia e una qualificazione in Champions League. Dopo una annata fuori dalla Coppa dalle Grandi Orecchie i bianconeri non possono più consentirsi dei passaggi a vuoto. La classifica parla chiaro e servirà un finale all’altezza per sigillare il posto Champions. Dopo il crollo nello scontro diretto con l’Inter, la squadra torinese è stata superata dal Milan e a pari punti con il Bologna, squadra con una rosa di uno spessore diverso. Ecco cosa ha in serbo il ds Giuntoli.

Le conseguenze del pari con la Salernitana

allegri rabbia
La rabbia di Allegri (Ansa – Immezcla.it)

Dopo il pareggio in extremis con la Salernitana, Massimiliano Allegri non ha fatto drammi e, come riportato da Sport Mediaset, dopo il match ha annunciato: “E’ stato un brutto primo tempo. In qualche situazione abbiamo sbagliato le scelte, ci siamo disuniti ed è calata la tensione. Abbiamo preso gol su una palla inattiva perché siamo stati disattenti. Nella ripresa c’è stata una bella reazione, ma dovevamo essere più precisi ed efficaci e non lo siamo stati“.

Si tratta del quinto pareggio di fila. Forse la testa sarà già volata alla sfida contro l’Atalanta ma nelle ultime due giornate occorrerà centrare la qualificazione in Champions con due risultati positivi. Il rischio per Allegri potrebbe essere l’esonero a fine campionato in caso di mancato approdo nella competizione europea dei grandi club. Appare molto improbabile un doppio passo falso finale, ma in caso di insuccesso in finale di Coppa Italia potrebbe esserci una escalation negativa.

Impostazioni privacy