MoneyGram Award, è romeno il miglior imprenditore straniero

0
436
È romeno il miglior imprenditore straniero

La sua azienda di import-export di prodotti tipici rumeni impiega 34 persone e stima per il 2012 un fatturato di circa 19 milioni di euro. Lui si chiama Florin Simon, e’ un imprenditore romeno ed e’ il vincitore della quarta edizione del MoneyGram Award 2012, unico Premio all’Imprenditoria Immigrata in Italia che oggi a Roma ha consegnato cinque riconoscimenti ad altrettanti esempi di imprenditori stranieri che hanno fatto fortuna nel nostro Paese.

Il premio MoneyGram Award , che ha cadenza annuale, e’ stato ideato da MoneyGram per promuovere l’eccellenza delle aziende gestite da imprenditori stranieri in Italiastimate in oltre 400 mila nel 2011 – e premiare chi ha dimostrato coraggio, capacita’ di visione e leadership nel fare impresa nel nostro Paese. Cinque le categorie del premio: crescita, occupazione, innovazione, imprenditoria giovanile e responsabilita’ sociale.

Florin Simon, vincitore del MoneyGram Award premio assoluto e di quello della categoria crescita, si e’ trasferito a Roma nel 1996. Come molti dei suoi connazionali inizia a lavorare come manovale nell’edilizia, fin quando non decide di aprire un’attivita’ tutta sua al servizio degli immigrati rumeni che vivono in Italia. Inizia cosi’ a importare dalla Romania prodotti tipici (come l’halva, dolce a base di pasta di semola o la zacusca, una tipica conserva rumena) e a distribuirli al dettaglio. Vista la crescente richiesta da parte dei negozianti in giro per l’Italia, decide di aprire un’attivita’ all’ingrosso e una rete di distribuzione di prodotti alimentari rumeni. Una rete che oggi da’ lavoro a 34 persone e che per quest’anno prevede un aumento delle vendite del 34%, stimando un fatturato di 19 milioni di euro. Con il ricavato della sua attivita’ Florin sostiene anche associazioni di beneficienza e onlus. Gli altri riconoscimenti di categoria sono andati a Sandra Aparecida Gouveia (Brasile), Anisoara Marin (Romania), Lishuang Hu (Cina), Muhammad Ajmal Shahid (Pakistan) e Elsa Javier (Peru’).