Giornata Rifugiato, Centro Astalli: “In ognuno la traccia di ognuno”

0
11
Rifugiati

Per una nuova cultura dell’accoglienza e della solidarietà

Si sono concluse le celebrazioni della Giornata Mondiale del Rifugiato 2020.
Vogliamo ringraziare quanti ci hanno seguito, i tanti che hanno partecipato alle nostre inziative. La pandemia ci ha costretto a stare fisicamente distanti, ad adottare modalità nuove di comunicazione e di condivisione.
Nonostante l’impossibilità di incontrarci e vederci come abitualmente accade, in occasione della Giornata del Rifugiato 2020 abbiamo sentito la vicinanza di tanti amici, volontari e sostenitori.
Per dirvi grazie e soprattutto per non smettere di tenere alta l’attenzione sulle migrazioni forzate in Italia e nel mondo ci fa piacere condividere con voi i principali contenuti della Giornata Mondiale del Rifugiato 2020.

  • Mercoledì 17 giugno S. Em. Cardinal Matteo Maria Zuppi, Arcivescovo di Bologna, la filosofa Donatella Di Cesare e Bianca Berlinguer, si sono confrontati sulla possibilità di trasformare l’evento della pandemia in opportunità di cambiamento, in occasione del colloquio sulle migrazioni “In ognuno la traccia di ognuno. Con i rifugiati per una nuova cultura dell’accoglienza e della solidarietà”. In apertura i saluti istituzionali di Luciana Lamorgese, Ministro dell’Interno, e Paolo Ruffini, Prefetto del Dicastero per la comunicazione della Santa Sede. 

Il video del colloquio “In ognuno la traccia di ognuno”

  • Sabato 20 giugno il Centro Astalli ha organizzato in collaborazione con Rai Radio 3 una serata radiofonica di musiche e parole dedicata ai rifugiati dal titolo “Sulle tracce di Bemnet”, protagonista del monologo donato da Davide Enia. Ad aprire la serata le voci di Anna Foglietta e Valerio Mastandrea. La parte musicale è stata affidata a Ambrogio Sparagna, Sara Jane Ceccarelli, Lavinia Mancusi, Djelem do Mar, Lorenzo Monguzzi, Beatrice Campisi, Chris Obehi. Durante la serata i messaggi indirizzati ai rifugiati da parte di Simonetta Agnello Hornby, Alessandro Baricco e Ascanio Celestini.

Il podcast della serata “Sulle tracce di Bemnet”