Giornata mondiale del Rifugiato, gli eventi del Gus

0
363
Giornata mondiale del Rifugiato

Il Gruppo umana solidarietà (Gus) organizza anche quest’anno un ricco calendario di eventi e di appuntamenti nella sede nazionale delle Marche e nelle sedi operative di Puglia, Sardegna e Lazio per celebrare la Giornata mondiale del rifugiato.

Lo scopo è quello di sensibilizzare la popolazione sui temi dell’asilo e dell’immigrazione con la partecipazione di rappresentanti delle istituzioni e delle autorità locali, delle associazioni e della società civile. Tra le tante iniziative, incontri, mostre fotografiche, aperitivi multietnici, proiezione di film, documentari e videoclip e un cineforum in tre serate con proiezione di film sulle tematiche del viaggio, dell’integrazione e della solidarietà.  Non solo. Previsti anche laboratori creativi per bambini, spettacoli teatrali con i ragazzi delle comunità educative che collaborano con i progetti Sprar, cene aperte a base di bevande e pietanze tipiche, serate con musiche e danze tipiche dei Paesi dei di provenienza dei rifugiati, beneficiari dei progetti del Gus. I tanti appuntamenti non dimenticano lo sport, con la realizzazione a Macerata del 1° trofeo di calcio a 5 “Clcio d’inizio” al quale parteciperanno 12 squadre di varie nazionalità.
“Abbiamo voluto celebrare la Giornata mondiale del rifugiato mettendo tante iniziative in campo sul territorio nazionale per cercare di sensibilizzare quante più persone possibili in un momento in cui si parla tanto e spesso in maniera negativa di profughi e di sbarchi sulle coste del nostro Paese – dichiara Giovanni Lattanzi del Gus – . Il nostro intento è quello di tenere viva l’attenzione su questa problematica non solo in questo giorno e non solo in occasione di tragedie che vedono esseri perdere la vita, colpevoli solo di fuggire da guerre civili e povertà in cerca altrove di una vita sicura e dignitosa”.
“Vogliamo che la questione dell’asilo sia un tema prioritario e sia messa all’ordine del giorno dell’agenda politica affinché possa essere creato, con il contributo di tutti, un nuovo modello di accoglienza e presa in carico – continua Lattanzi – . Un modello unico che abbia alla base il concetto di Europa e che si muova in direzione di una reale integrazione culturale, sociale e lavorativa, un modello che preveda la vera libera circolazione delle persone”.
Appuntamento il 27 giugno nel Salento con il convegno “Il Salento accoglie”, con la presenza del prefetto Riccardo Compagnucci, vice capo dipartimento vicario del Dipartimento libertà civili e immigrazione del ministero dell’Interno, di Guglielmo Minervini, assessore alle politiche giovanili della regione Puglia, del  Professore Luigi Perrone dell’Università del Salento e dei sindaci dei comuni coinvolti nei progetti Sprar del Gus. Nelle Marche, l’appuntamento è ad Ancona il 18 giugno con la mostra fotografica “The European Dream – Road to Bruxelles” alla presenza del sindaco Valeria Mancinelli, dell’sssessore ai Servizi sociali Emma Capogrossi, del deputato e membro della Commissione delle Politiche dell’Unione europea della Camera dei deputati Khalid Chaouki e dell’autore Alessandro Penso, vincitore del 1° posto del “World Press Photo-categoria General News”. Il programma completo disponibile sul sito dell’organizzazione.

Scritto da redazione