Filippine, il piccolo Jolie nato subito dopo il tifone

0
644
Filippine

Il piccolo Jolie si contorce nel sonno, sbadiglia e si stropiccia il viso con le piccole mani.
La madre si asciuga le lacrime mentre veglia su di lui, ancora incredula dal fatto che sono entrambi vivi . “E’ un miracolo!” dice agli operatori di Save the Children.
Jolie ha solo due giorni di vita ed è nato meno di una settimana dopo il tifone. E’nato nella stessa stanza in cui sua madre in stato avanzato di gravidanza, suo padre e i suoi quattro fratelli hanno trovato rifugio durante la mega tempesta.

 
Gli abitanti del posto stimano che il 90% delle case sull’isola di Manapao , al largo della costa settentrionale di Panay , siano state completamente distrutte e che il restante 10% sia stato fortemente danneggiato. Non un solo edificio sulla piccola isola di pescatori è sfuggito all’ira del più grande tifone che ha colpito la regione da decenni. Il tetto della scuola è stato distrutto e le finestre sono state infrante. La scuola al momento è utilizzata da circa una dozzina di famiglie come riparo di emergenza .
Abigail e John Ylanan vivevano un due stanze in una casa di bambù che si affacciava sul mare. Ora è un cumulo di macerie usate per far seccare il pesce. La maggior parte delle loro case sono state spazzate via e sommerse dal nel mare, durante la grande tempesta che ha colpito tutta la costa dell’isola .
“Quando l’acqua ha allagato la nostra casa siamo fuggiti verso la collina a casa di mia suocera”, dice Abigail. “I miei bambini urlavano e ho dovuto cercare di calmarli. Ero davvero preoccupata. Ho pensato che forse avrei partorito durante la tempesta e avevo paura per il mio bambino”.
Invece Jolie è nato la settimana successiva, con il solo aiuto di una levatrice in una casa di cemento malconcio su un isola devastata. Devono ancora vedere un medico e ricevere le eventuali cure mediche, ma Abigail dice che è sano. “Quando l’ho visto per la prima volta sono stata sopraffatta dalla felicità. Quando l’ho sentito piangere ho pensato che questo bambino era un miracolo” racconta.
Tuttavia, la vita di Abigail e Jolie è resa ancora più difficile dal fatto che la giovane madre non è in grado di allattare al seno. Senza l’aiuto e il supporto necessario su come iniziare l’allattamento al seno, Abigail potrebbe sentire il bisogno di usare il latte artificiale che aumenterebbe il rischio per Jolie di ammalarsi e morire.
La barca da pesca di suo marito è stata distrutta, come migliaia di famiglie in tutta la regione, anche loro hanno perso la loro fonte di reddito e di sostentamento. “Mio marito andava a pescare la sera e tornava la mattina, catturava granchi e gamberi”dice Abigail. “Riusciva comunque a portare a casa il necessario per sostenere la famiglia, ma ora dobbiamo fare affidamento sulle razioni di cibo portate in elicottero.”
Nella municipalità di Pontevedra circa l’ 80% delle case sono state danneggiate o distrutte, insieme a Manapao sono le comunità più colpite. L’Isolamento dell’isola rende inoltre il processo di recupero molto più difficile.
“Ho bisogno di aiuto, noi tutti abbiamo bisogno”, dice Abigail. “Non abbiamo parenti fuori dall’isola quindi non abbiamo un posto dove andare. Ho paura per mio figlio e per la mia famiglia. Abbiamo bisogno di vestiti, cibo, mezzi di sostentamento e riparo. Abbiamo bisogno di tutto.”

Scritto da ps