Home Flash-News Bruxelles, Bartolo riabbraccia la ragazza salvata a Lampedusa nel naufragio del 3...

Bruxelles, Bartolo riabbraccia la ragazza salvata a Lampedusa nel naufragio del 3 ottobre

0
27
Foto Facebook Pietro Bartolo

Era stata data per morta nel naufragio del 3 ottobre 2013 costato la vita a 368 migranti ma a salvarla fu l’intuito di Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa che aveva capito che c’era un flebile battito. Oggi, a distanza di sei anni e mezzo, Kebrat, questo il nome della ragazza etiope salvata, ha incontrato a Bruxelles, il suo salvatore, Pietro Bartolo, che è eurodeputato.

A dare l’annuncio su Facebook è lo stesso Bartolo. “Molti di voi questa storia la conoscono bene, perché mi è rimasta nel cuore e non ho mai smesso di raccontarla – racconta – È la storia di Kebrat, una ragazza arrivata sul molo di Lampedusa senza polso, senza battito, durante il naufragio del 3 ottobre 2013. Sembrava morta, era già in un sacco, con la cerniera chiusa. Dovevo soltanto costatarne il decesso”.

“Eppure, ho sentito qualcosa, ho auscultato meglio. È stata una corsa contro il tempo, l’ambulatorio, il primo soccorso, il trasporto in elicottero fino al reparto di rianimazione più vicino. Non era finita, per Kebrat – dice Bartolo visibilmente emozionato – Oggi gli amici del Comitato Tre Ottobre mi hanno fatto questa sorpresa immensa, hanno portato Kebrat qui, in Parlamento Europeo a Bruxelles. I nostri occhi lucidi dicono il resto. Grazie”.

Oggi la ragazza vive in Scandinavia, e non è mai voluta tornare a Lampedusa ma quando ha avuto la possibilità con il Comitato 3 Ottobre di arrivare a Bruxelles, dove al Parlamento Europeo gli studenti hanno portano la loro testimonianza da lampedusa e le loro idee su migrazioni e accoglienza, per incontrare l’uomo che le ha ridato la vita, non ci pensato due volte e l’emozione è racchiusa in quell’abbraccio.

È stata una giornata intensa anche per gli studenti giunti al Parlamento dove Ad accoglierli e dialogare con loro ci sono stati gli europarlamentari Pietro Bartolo e Erik Marquardt, il presidente del Comitato 3 Ottobre Tareke Brhane, il segretario di stato del MIUR Social Giuseppe di Cristofaro, la giornalista Susan Dabbous, il sindaco di Lampedusa Salvatore Martello, il rappresentante UNHCR, the UN Refugee Agency all’Unione Europea Abdouraouf Gnon-Konde, il fondatore di Humanity’s Team Salam Kamal Aldeen, Juliana Santos Wahlgren di European Network Against Racism – ENAR, Alessandra La Vaccara di International Commission on Missing Persons – ICMP e Michele Levoy, direttore di Platform for International Cooperation on Undocumented Migrants (PICUM).