Astalli, “Come orizzonte il mondo. I discorsi di Adolfo Nicolàs ai rifugiati”

0
103
come orizzonte il mondo

E’ stato presentato online, in occasione del quarantesimo anniversario del Centro Astalli la pubblicazione “Come orizzonte il mondo. I discorsi di Adolfo Nicolàs ai rifugiati” promossa dal Centro Astalli.

La “conversione del cuore” che “può cambiare il mondo per renderlo un luogo di accoglienza per gli emarginati, i rifugiati” e l’“advocacy” che “richiede audacia, alzare la voce a volte controcorrente, a favore di chi ha perso la propria voce o si sente troppo debole per gridare il proprio dolore”. Sono le due dimensioni rilanciate da padre Arturo Sosa Abascal, preposito generale della Compagnia di Gesù, nel videomessaggio di saluto con cui si è aperta la presentazione della pubblicazione “Come orizzonte il mondo. I discorsi di Adolfo Nicolás ai rifugiati” promossa dal Centro Astalli. Il libro contiene tre discorsi pronunciati da padre Adolfo Nicolás, superiore generale della Compagnia di Gesù dal 2008 al 2016, in tre diverse occasioni in cui è stato invitato dal Centro Astalli a incontrare i rifugiati.


Nel quarantesimo anniversario del Centro Astalli, padre Sosa ha espresso “ apprezzamento per l’immenso lavoro che state facendo per accompagnare adeguatamente i rifugiati qui a Roma e, più in generale, in tutta Italia”. “L’essenza, il cuore e il significato dell’impegno del Centro Astalli – ha proseguito – si esprimono nelle parole: accoglienza, ospitalità, dialogo, riconciliazione, educazione. E ripetutamente ritornano nei discorsi di padre Adolfo Nicolás”. Soffermandosi sull’impegno del Jesuit refugee service (Jrs), la cui sede italiana è proprio il Centro Astalli, Sosa ha sottolineato come “l’advocacy è necessaria alle frontiere dei Paesi del mondo, della Chiesa per far sì che la giustizia accada. Ha una dimensione politica, nel senso nobile del termine”.
Sono intervenuti online anche la storica Anna Foa, l’imam Izzedin Elzir, presidente della Scuola fiorentina per l’educazione al dialogo interreligioso e interculturale, e p. Camillo Ripamonti, presidente del Centro Astalli, moderati dalla giornalista Vania De Luca.