La storia di Ami Dar, fondatore di Idealist per un mondo diverso

0
38

Jorida Dervishi

Mi chiamo Ami Dar, sono il fondatore di Idealist.org e voglio raccontarvi una storia. 

Voglio condividere la mia storia perché sono sicuro che nella vita tu abbia affrontato situazioni simili. E se così fosse, credo che insieme possiamo cambiare il mondo, iniziando adesso. 

Sono nato a Gerusalemme e cresciuto principalmente in Perù e in Messico. Quando avevo 15 anni la mia famiglia tornò in Israele, e a 18 anni fui arruolato nell’esercito israeliano per tre anni di servizio obbligatorio. Un anno dopo, la mia unità era posizionata al confine con la Siria e il mio compito era trascorrere diverse ore ogni giorno da solo su una torre di osservazione, guardando attraverso un telescopio e un flop spinato i campi minati, cercando di individuare eventuali strani movimenti sull’altro lato. 

Un pomeriggio, ricordo che era una bella giornata invernale, improvvisamente ho avuto un pensiero che mi ha fatto ridere ad alta voce. Ho riso perché l’idea era infantile ma anche vera. 

I bambini hanno solo questo modo per riconoscere la verità. Qualche mese prima, conoscendo i ragazzi della mia unità mi ero reso conto con gratitudine che alcuni di loro mi avrebbero dato il loro ultimo paio di calzini asciutti se mai avessi avuto bisogno di loro. Ma c’erano anche alcuni che potevano rubare i miei calzini se non stavo attento. Quell’immagine mi passò per la mente quel pomeriggio, quando attraverso il telescopio vidi un gruppo di soldati siriani che giocavano a calcio in tutta la valle che ci separava. 

E immediatamente qualcosa cambiò, quel momento di gioco, il loro correre come bambini, li ha umanizzati ai miei occhi in un modo completamente nuovo, nuovo e diverso.
Quando cresci in una zona di confitto o in una società frammentata diventa quasi naturale disumanizzare l’altro. Ma se quel feltro si frantuma, non puoi mai tornare indietro. È nel momento in cui la loro piena umanità mi ha colpito, ho avuto quella pazza idea che mi ha cambiato la vita. Aspetta un attimo, aspetta un attimo, pensai.  Nella mia unità, e in ogni altra unità che conosco, ci sono alcuni ragazzi di cui mi fiderei pienamente e altri preferirei tenerli lontano. E se è vero, allora tutta questa barriera di confine a cosa serve? Invece di dividersi, i siriani da una parte e gli israeliani dall’altra, non avrebbe più senso riunire i calzini di entrambe le parti? Ho riso. Ho riso, ma questa idea è rimasta con me e continua a tormentarmi.

Da allora ho imparato che la vita è più complicata, e che la linea di demarcazione tra la bontà  e la cattiveria corre in ognuno di noi. Eppure … non posso fare a meno di notare che in tutto il mondo, dietro ogni etichetta e stereotipo, ci sono persone che condividono alcuni valori di base. E non posso fare a meno di non pensare che se queste persone potessero in qualche modo lavorare insieme, il mondo sarebbe un posto molto diverso. Quali sarebbero  questi valori? Trattare gli altri nel modo in cui vorremmo essere trattati è un buon inizio. 

Ma possiamo andare oltre. Ad esempio, credo che in ogni paese e in ogni cultura ci siano molte persone che andrebbero d’accordo con questa frase: “Lavorando con gli altri, in uno spirito di generosità e rispetto reciproco, voglio contribuire a costruire un mondo in cui tutte le persone possano condurre una vita libera e dignitosa”. Credo che molte di queste persone sarebbero felici di lavorare insieme sulla sfida più grande che tutti condividiamo: colmare il divario che esiste  tra le nostre buone intenzioni e le azioni che effettivamente adottiamo.

Ogni giorno molti di noi vorrebbero rispondere in qualche modo a quello che succede intorno a noi, ma per una serie di motivi non lo facciamo. Potremmo ritenere che non abbiamo tempo, risorse, potere o impatto. Potremmo non sapere da dove iniziare, cosa fare o con chi lavorare. Potremmo avere paura del fallimento, del ridicolo, delle riunioni e dei comitati, sprecando il nostro tempo, diventando depressi. Questa lista potrebbe continuare, ma il punto è che questa sfida – o opportunità – è enorme. Pensa quante volte ti sei sentito in questo modo. Ora moltiplicalo per ogni persona che riconoscerà questo sentimento e parliamo di milioni di opportunità perse di azione e collaborazione ogni giorno. Adesso immagina un mondo diverso. Immagina se queste persone – i divoratori di calze, i sognatori pratici, le venti persone che porteresti con te se dovessi trascorrere un paio di anni su un’isola deserta immagina se queste persone vengono riconosciute  avessero un nome. 

Perché un nome? Perché le parole contano, i nomi contano. Se sei un insegnante del Perù e incontri un altro insegnante del Perù, devi solo dire due parole – “insegnante” e “Perù”. E se vuoi creare un gruppo per insegnanti peruviani, hai le parole per farlo. Nel nostro caso le persone ci sono ma mancano le parole. Riconosci queste persone quando le incontri, ma come le chiami? E se non puoi nominarli – se non possiamo nominarci – come possiamo connetterci? Quindi prendiamo un nome e lo rendiamo nostro. Un nome che significherebbe “libertà e dignità, generosità e rispetto”. Un ponte di una parola che ci permetterebbe di connettere le nostre differenze e vedere quanto abbiamo in comune, per la strada e in tutto il mondo. Chiamiamoci semplicemente “Idealisti del Mondo”. Cerchiamo di rappresentare questo nome e i valori con orgoglio e gioia come se rappresenteressimo una parte della nostra identità. Quindi, come un gruppo di stelle marinaie che si allarga improvvisamente le braccia, raggiungiamo e condividiamo il dono di sapere che non siamo soli. Ovunque tu sia puoi farlo accadere, e insieme possiamo spingere i limiti di ciò che sembra possibile nelle nostre vite e nelle nostre comunità.