Scritture migranti / Kristina Janusaite: l’integrazione passa attraverso la poesia

0
751
Scritture migranti / Kristina Janusaite: l'integrazione passa attraverso la poesia

Arrivata per amore in Italia, Kristina Janusaite, con “Riapparizioni”,  è la vincitrice della seconda edizione del concorso Fabula e Intreccio – sezione poesia. 

Quanti anni hai e cosa fai?
Ho trentanove anni e attualmente sto studiando all’università per il riconoscimento dei miei titoli accademici lituani. 
Dove vivi e da quanto tempo?
Risiedo a Mestre, nella regione Veneto dal 2012. 
Come sei arrivata in Italia?
Sono arrivata qua perché mi sono sposata con un italiano.
 La passione per la scrittura da quanto tempo ce l’hai?
Fin da piccola avevo la passione per la lettura dei libri e in precocemente così ho sviluppato la passione per la scrittura.  
Quando hai iniziato a scrivere e di cosa?
Ho scritto la mia prima poesia ispirata all’autunno, quando ero in terza elementare. E’ un momento che mi ricordo molto chiaramente. Allora non mi aspettavo che questa passione mi avrebbe accompagnato per tutta la vita. In seguito ho continuato a scrivere poesie e sono risultati fondamentali gli studi universitari in filologia per l’evoluzione della mia poetica. Le tematiche delle mie poesie sono varie, tra cui quella dell’amore, della lingua, dei contesti culturali lituani ed italiani. Le mie poesie sono state pubblicate in diverse riviste letterarie lituane e in alcune raccolte poetiche italiane, anche a seguito della vittoria di alcuni concorsi sia lituani che italiani. 
Cosa vuol dire per te essere immigrato?
Per me vuol dire integrarmi all’interno di un’altra cultura senza perdere la mia identità lituana. Questi due aspetti devono creare un dialogo alla ricerca di punti d’incontro. L’integrazione e il dialogo per me passa anche attraverso la poesia. 
 Cosa ne pensi delle politiche migratorie italiane?
Da quello che vedo noto una grande volontà di accoglienza verso gli immigrati. Dall’altra appare difficile poter integrare un numero così elevato di immigrati in un arco di tempo così breve.