Immigrazione, La poesia di Mohamed Malih su una rivista statunitense

0
183
poesia malih

I versi di Mohamed Malih sono stati pubblicati sulla rivista statunitense Silk Road. Il titolo del componimento è “Profughi”, “è una poesia scritta qualche anno fa – ha detto Mohamed Malih – ma il tema dei migranti che rischiano la vita in mare resta un tema sempre attuale.”

La rivista statunitense ha avuto il testo del poeta di origine marocchina che vive a Senigallia grazie ad un’amica che conosceva il testo. Tra i tanti componimenti, tutti di scrittori migranti, giunti alla rivista proprio quello di Mohamed Malih è stato tradotto in inglese e pubblicato.

Ecco il testo:

Profughi

In sella ai nostri anni migliori

sfidiamo il mare

scrutando rotte

di mille altri destini alla deriva

 

l’approdo è un azzardo

alle porte di Lampedusa

altre storie verranno a galla

impigliate nelle reti dei pescatori

 

l’enfasi lasciamola ad altri esodi

noi siamo solo profughi

protagonisti della cronaca

e clandestini alla storia.