Pavia, borse studio per 14 rifugiati accolti in Sprar

0
220
Pavia

14 borse di studio a giovani rifugiati accolti nei progetti territoriali dello Sprar. È l’iniziativa dell’Universita’ di Pavia in collaborazione con Cittalia-ANCI e con il Servizio centrale dello SPRAR.

Oltre all’iscrizione gratuita ai corsi di laurea, l’Universita’ ha reso disponibile, grazie alla rete dei collegi presenti a Pavia, “anche il vitto, l’alloggio e l’accesso alle biblioteche e alle sale informatiche dell’Ateneo”.
Selezionati secondo criteri di merito e sulla base della conoscenza delle lingue italiana e inglese, i vincitori delle borse di studio vengono da Afghanistan, Cameron, Gambia, Iran, Nigeria, Togo, Turchia e Ucraina e avranno la possibilita’ di riprendere gli studi interrotti – perche’ in fuga da zone di guerra, o perche’ perseguitati o soggetti a gravi violazioni dei diritti umani.
“Siamo convinti che l’accoglienza possa essere una risposta efficace per contrastare l’intolleranza e la violenza fondamentalista e che i talenti e la volonta’ di riscatto di chi giunge nel nostro paese possano rappresentare una risorsa preziosa” afferma Annarita Calabro’ presidente del Centro di Ricerca MeRGED- Migrazione e Riconoscimento, Genere, Diversita’ dell’Universita’ di Pavia.
“Il progetto -aggiunge – sta raccogliendo consenso e contributi significativi da parte non solo dei docenti, ma anche degli altri studenti dell’Ateneo, delle associazioni studentesche e della societa’ civile pavese”.
(DIRE)

Scritto da redazione