Italian Dream

0
399
Italian Dream

L`Italia è un sogno di tanti. Questa bella penisola con molti steriotipi e clichè è diventata in tutto il mondo il simbolo di alta moda, buona cucina e di dolce vita. Per questo un grande numero di turisti si reca ogni anno in Italia per ammirare la bellezza di questo splendido paese, godere dell`atmosfera delle stradine piene di caffetterie e sentirsi vivi grazie al tanto rumore, chiacchiere, amici e buon vino. L`Italia è un paese da sognare. 


Colpita da tutto questo ho deciso di festeggiare li il Natale per sentire sulla mia pelle quell`atmosfera e l`aria natalizzia. Dopo il lungo viaggio sono finalmente giunta in Italia e immediatamente per comunicare il mio arrivo sono dovuta andare in questura. In quei pochi minuti passati in quel posto della mia felicità non c`era piu traccia. Proprio li ho scoperto la realtà delle tante persone, ho visto con miei occhi delle cose che mi hanno fatto ripensare la vita. 

Sono arrivata in questura e mi hanno detto di andare in ufficio per gli immigrati. Una volta entrata ho capito che era l`ufficio sbagliato, però nello stesso tempo sono rimasta scioccata, quasi senza respiro. C`era molta gente straniera, alcuni aspettavano i passaporti, altri il permesso di soggiorno, altri ancora dormivano li in attesa di mettere una firma per chissà quale documento. Quel posto mi faceva paura. Loro sembravano essere poveri e disperati. Vedevo che la vita di quelle persone era molto difficile. L`unica salvezza per loro era ricevere quel passaporto, per questo quando finalmente sentivano i loro cognomi vedevo dentro di loro una disperata felicità, che fino ad oggi mi è rimasta nel cuore. Mi dispiaceva per tutte quelle persone che avevano la vita difficile. Chissà quali motivi hanno queste persone per essere qui, per essere in Italia, però sicuro che non sono scappate dalla bella vita.
In questa situazione mi sono ricordata subito del sogno americano (amarican dream) conosciuto in tutto il mondo come la vita dei sogni, in cui chiunque vada in America, facilmente trova un bel lavoro, assicura la vita, compra la casa, la macchina e vive con la famiglia in questa casetta con un grande giardino. 
Dopo aver visto tutti questi immigrati ho pensato dell`esistenza anche del sogno italiano. L`Italia infatti attrae le persone di tutto il mondo. Questo paese è cosi famoso che è stata fatta anche una barzelletta: «Nella scuola l`insegnante di geogragia racconta ai suoi alunni di posizione geografica dell`Italia e dice che la penisola italiana con la sua forma sembra uno stivale. Ed un alunno le risponde: no Signora, Lei è uno stivale, l`Italia sembra il paradiso». Ritornando all`Italia ho notato che gli italiani sono troppo abituati ormai alla bellezza delle viste, delle montagne, del mare, cosi tanto abituati che non apprezzano il valore di cio che hanno. Questa caratteristica non vale solo per gli italiani, ma piuttosto la nuova generazione di tutto il mondo cerca di trasferirsi e di trovare fortuna fuori dal proprio paese. Per esempio gli ucraini sognano di trasferirsi in Polonia, in Repubblica Ceca in Italia, mente i polacchi e gli italiani sognano della Francia, i francesi intanto cercano la bella vita in Canada e cosi via. 

Di tutto questo posso concludere che la gente di tutti paesi spesso vuole muoversi per cercare di trovare qualcosa di meglio ma prima di tutto bisogna creare il meglio accanto a noi stessi. 

L`Italia è un sogno di tanti. Questa bella penisola con molti steriotipi e clichè è diventata in tutto il mondo il simbolo di alta moda, buona cucina e di dolce vita. Per questo un grande numero di turisti si reca ogni anno in Italia per ammirare la bellezza di questo splendido paese, godere dell`atmosfera delle stradine piene di caffetterie e sentirsi vivi grazie al tanto rumore, chiacchiere, amici e buon vino. L`Italia è un paese da sognare. 

Colpita da tutto questo ho deciso di festeggiare li il Natale per sentire sulla mia pelle quell`atmosfera e l`aria natalizzia. Dopo il lungo viaggio sono finalmente giunta in Italia e immediatamente per comunicare il mio arrivo sono dovuta andare in questura. In quei pochi minuti passati in quel posto della mia felicità non c`era piu traccia. Proprio li ho scoperto la realtà delle tante persone, ho visto con miei occhi delle cose che mi hanno fatto ripensare la vita. 

Sono arrivata in questura e mi hanno detto di andare in ufficio per gli immigrati. Una volta entrata ho capito che era l`ufficio sbagliato, però nello stesso tempo sono rimasta scioccata, quasi senza respiro. C`era molta gente straniera, alcuni aspettavano i passaporti, altri il permesso di soggiorno, altri ancora dormivano li in attesa di mettere una firma per chissà quale documento. Quel posto mi faceva paura. Loro sembravano essere poveri e disperati. Vedevo che la vita di quelle persone era molto difficile. L`unica salvezza per loro era ricevere quel passaporto, per questo quando finalmente sentivano i loro cognomi vedevo dentro di loro una disperata felicità, che fino ad oggi mi è rimasta nel cuore. Mi dispiaceva per tutte quelle persone che avevano la vita difficile. Chissà quali motivi hanno queste persone per essere qui, per essere in Italia, però sicuro che non sono scappate dalla bella vita.
In questa situazione mi sono ricordata subito del sogno americano (amarican dream) conosciuto in tutto il mondo come la vita dei sogni, in cui chiunque vada in America, facilmente trova un bel lavoro, assicura la vita, compra la casa, la macchina e vive con la famiglia in questa casetta con un grande giardino. 
Dopo aver visto tutti questi immigrati ho pensato dell`esistenza anche del sogno italiano. L`Italia infatti attrae le persone di tutto il mondo. Questo paese è cosi famoso che è stata fatta anche una barzelletta: «Nella scuola l`insegnante di geogragia racconta ai suoi alunni di posizione geografica dell`Italia e dice che la penisola italiana con la sua forma sembra uno stivale. Ed un alunno le risponde: no Signora, Lei è uno stivale, l`Italia sembra il paradiso». Ritornando all`Italia ho notato che gli italiani sono troppo abituati ormai alla bellezza delle viste, delle montagne, del mare, cosi tanto abituati che non apprezzano il valore di cio che hanno. Questa caratteristica non vale solo per gli italiani, ma piuttosto la nuova generazione di tutto il mondo cerca di trasferirsi e di trovare fortuna fuori dal proprio paese. Per esempio gli ucraini sognano di trasferirsi in Polonia, in Repubblica Ceca in Italia, mente i polacchi e gli italiani sognano della Francia, i francesi intanto cercano la bella vita in Canada e cosi via. 

Di tutto questo posso concludere che la gente di tutti paesi spesso vuole muoversi per cercare di trovare qualcosa di meglio ma prima di tutto bisogna creare il meglio accanto a noi stessi. 

Valeriia Zozulia

Scritto da Valeriia Zozulia

CONDIVIDI
Articolo precedenteDove sei madre?
Articolo successivoIl badante azzabbì
Paola Suraci
Giornalista indipendente. Mi occupo di Sud, di terre dove l'emarginazione ha diverse facce. Racconto storie di uomini e donne che lottano per non arrendersi, per cambiare, racconto un altro Sud che spesso non ha voce. Guardo al Mediterraneo e ai fenomeni migratori auspicando la mescolanza di culture.