Il viaggio

0
346
Il viaggio

Il mare, le onde, la speranza di un futuro migliore.

Guardo il mare, un’enorme distesa di acqua

e penso alla mia famiglia, alla mia terra
che forse non rivedrò più.
Ho paura, paura di morire
e penso a mia madre in un letto di ospedale

e penso a tutte le persone come me

che dal viaggio sono state sconfitte

perché non ce l’hanno fatta

perché sono morte …

Io ho ancora una speranza

speranza di sopravvivere a questa terribile avventura

speranza di una vita migliore
io sono vivo
io sono in Italia
io sono Salim, sono Saddam, sono Samsu,
sono Uzzal, sono Polash, sono Ayub, sono Babul …

pronti per un nuovo viaggio … 


Suhelmiha Amahylla
 

Scritto da Suhelmiha Amahylla

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl badante azzabbì
Articolo successivoLontano
Paola Suraci
Giornalista indipendente. Mi occupo di Sud, di terre dove l'emarginazione ha diverse facce. Racconto storie di uomini e donne che lottano per non arrendersi, per cambiare, racconto un altro Sud che spesso non ha voce. Guardo al Mediterraneo e ai fenomeni migratori auspicando la mescolanza di culture.